mercoledì 26 aprile 2017

Recensione Margherita Fray Teach Me

Teach Me

Margherita Fray

 


Care Lovers,

oggi voglio parlarvi di un romanzo che ho amato tant'e' che l'ho letto in 2 giorni, si tratta di un nuovo arrivo in casa Delrai. Teach Me e il romanzo d'esordio di Margherita Fray, forse alcune di voi la conoscevano con il suo nome di scrittrice su wattpad "Fragolottina".


 Sinossi

 Morgan Williams non crede ai suoi occhi quando vede entrare in aula un nuovo professore di Letteratura Inglese al posto della sua adorata Mrs. Tutcher. Chi è? E perché ha osato sostituire la sua professoressa adorata? Non importa quanto lui sia sexy, bellissimo, assolutamente attraente e persino intelligente, lei non proverà mai simpatia per uno del genere, che potrebbe di certo fare il modello, ma non l’insegnante. Cameron Wilde ha gli occhi più azzurri che Morgan abbia mai visto, recita Shakespeare a memoria, lui sa scherzare con gli alunni, sa essere insolente con classe, e si rivela più capace di quanto lei si aspettasse, perché Cameron Wilde è speciale e si avvicina pericolosamente al suo uomo ideale, ma è un professore, il “suo” professore, e una ragazza all’ultimo anno di superiori non può innamorarsi di un docente. Questo non è possibile.


Il romanzo inzia così " Nel vedere che al posto della professoressa Tutcher sta entrando un ragazzo, nemmeno un uomo, proprio un ragazzo, davanti ai miei occhi si presentano soltanto tre alternative possibili: urlare, piangere, scrivere una lettera di lamentele al direttore dell'istituto perchè, cielo, quello Shakespeare non lo saprebbe nemmeno sillabare". La giovane Morgan si sarebbe aspettata di tutto ma non di vedere entrare in classe quel giorno il professor Cameron Wilde al posto della sua amata insegnate di letteratura inglese. Tra i due nasce un rapporto non proprio rose e fiori, anche perchè Cameron può assomigliare al suo ideale di uomo ideale, ma Morgan non può innamorarsi del suo insegnante..... Ho amato questo romanzo, una storia "d'amore" fuori dal comune fatta di paure e insicurezze. Mi sono trovata molto spesso a ridere mentre leggevo tant'è che avevo paura che mi prendessero per pazza.... Ho deciso di acquistare questo libro perchè spinta dalla curiosità verso la storia e poi la copertina è fantastica. Il libro all'interno è fantastico, soprattutto i cuori in fondo alle pagine. Ho invidiato Morgan perchè avrei voluto anche io un professore così. Questo è un romanzo da 5 stelle anche di piu', e' molto scorrevole e come vi ho detto divertentissimo! Bene dato che non voglio rischiare di espormi troppo e raccontarvi tutto il romanzo, ho deciso di lasciarvi dei teaser con dei miei commenti. 


E' una delle scene che ho più amato.

                              


Bhe' queste sono solo alcune delle scene che ho più amato del libro, le altre contenevano troppi spoiler. Vi consiglio di leggere assolutamente Teach Me. 

Il romanzo lo potete trovare in formato cartaceo e ebook!


mercoledì 19 aprile 2017

Recensione Tutta d'un fiato

Tutta d'un fiato (l'amore infinito)

 Sharon Pivetta

 

Care Lovers,

oggi voglio parlarvi di un romanzo dedicato principalmente alle adolescenti. Questo libro è nato principalmente come storia sul social Wattpad. La giovane scrittrice si chiama Sharon, ed è una grande fan del duo musicale Benji & Fede. 


TUTTA D'UN FIATO "L'AMORE INFINITO" E' DISPONIBILE IN:

EBOOK
CARTACEO



TRAMA



Mentre guarda fuori dalla finestra della sua classe, Nadia è elettrizzata. Diciassette anni, folta e indomabile chioma rossa e una voglia tremenda di essere altrove: ancora pochi secondi e arriverà il trillo della campanella. Il cielo azzurro si spalanca sopra di lei e l'aria profuma d'estate. Che le vacanze abbiano inizio! Ma quando, come ogni anno, si trasferisce nella casa al mare di suo cugino Marco, ancora non sa che l'aspetta una sorpresa. Due coinquilini speciali arrivano nella notte con una chitarra e due valigie: sono Benjamin Mascolo e Federico Rossi, conosciuti da tutti come Benji e Fede. Fede ha occhi azzurrissimi e un sorriso mozzafiato, Nadia non riesce proprio a smettere di fissarlo mentre canticchia con la sua voce calda. Ben presto, però, tra loro è guerra: battutine e dispetti sono all'ordine del giorno e anche se, appena Fede la sfiora, il cuore le batte all'impazzata e lo stomaco si attorciglia, Nadia non è disposta a cadere ai suoi piedi come le altre ragazze. Con Benji invece non ha bisogno di proteggersi perché il suo sguardo è quello dolce di un amico. E poi c'è Esme, una bruna che travolge Nadia con la sua energia. Tra feste, risate e canzoni, le ore volano. È un'estate magica, di emozioni indimenticabili; perché, si sa, è vietato smettere di sognare.



Inzio con il dire che non sono una grande fan di Benji & Fede, l'esperta in materia è mia sorella... ma tra le due quella che alla fine ha acquistato il libro sono stata io. 
L'ho voluto comprare perchè la cosa che mi ha incuriosito parecchio è stata la presenza quasi in ogni pagina dei commenti dei due protagonisti della storia, e devo dire che mi hanno fatta spanzare dalle risate. Ma veniamo alla storia.....

Nadia è una giovane ragazza di diciasette anni che, durante le vacanze estive insieme al cugino e la fidanzata decidono di passare le vacanze nella solita casa al mare, solo che quest'estate sarà diversa perchè con loro ci saranno altri coinquilini, Federico e Benajmin. Con il passare dell'estate Nadia comincia a scoprire cosa significa prendersi una cotta, e vivere sulla propria pelle l'ebrezza di essere innamorate, se poi la nostra cotta viene ricambiata è il coronamento di un sogno.... ma per la povera Nadia non è così, il ragazzo per cui si è presa una cotta si comporta in modo strano con lei; e con l'arrivo di Stefania l'ultima coinquilina (si spera), per l'estate sembra proprio che il giovane Fede tenga il piede in due scarpe come andrà a finire se Nadia decide di voltare pagina e provare a uscire con un altro ragazzo, dato che la festa per i suoi diciottoanni e' arrivata?

Devo fare i miei complimenti a Sharon, per questa storia, solitamente diffido dalle fan fiction, ma questa storia mi è piaciuta un sacco, tant'è che ho voluto scrivere la recensione. Tutta d'un fiato "l'amore infinito" è un libro semplice e carino, ma soprattutto divertente. So che da come è finita ci sarà un sequel e la domanda è: quando uscira'?. Questa è stata una lettura leggera poco impegnativa rispetto ai libri che ho letto, ma mi ci voleva proprio non sapete quante risate io mi sia fatta...

Qui di seguito vi lascio i link per contattare l'autrice.

SHARON PIVETTA

sabato 15 aprile 2017

Recensione Aspettando l'alba che verra' L. Cassie


ASPETTANDO L'ALBA CHE VERRA'

L. CASSIE






Care Lovers,

oggi voglio parlarvi di questo romanzo che ho finito da un paio di giorni fa', si tratta dell'ultimo lavoro di una scrittrice che mi piace molto L. Cassie.


Prima di leggere la recensione vi lascio i link per acquistare gli altri romanzi di L. Cassie....


- Le ciccatrici dell'anima 
- Ascolta il mio silenzio
- Una nuova vita
- Tutto quello che vorrei


Infinity series:

- Never give up (vol. 1)
- Stay Strong (vol. 2)


Acquista Aspettando l'alba che verra' su amazon!


 SINOSSI

 

 Sono bastati pochi spari d'arma da fuoco per sterminare la famiglia Castelletti e ora Nicole, la figlia maggiore, è costretta a lasciare Torino, la città in cui è cresciuta, per trasferirsi negli Stati Uniti con un bagaglio pieno zeppo di dolore e domande a cui non riesce a trovare risposta: Chi è stato a uccidere i suoi genitori e il fratellino di soli cinque anni? Quale pazzo ha potuto compiere tale gesto? Come uno zombie, la povera Nicole, vaga per i corridoi della sua nuova scuola di Miami, corridoi nei quali incontra Christopher, un ragazzo morto dentro proprio come lei. Un ragazzo, che attraverso le citazioni di William Shakespeare, proverà a rubarle il cuore.



Devo dire che ho acquistato questo romanzo ad occhi chiusi, o meglio come li chiamo io frutto di un attacco di shopping compulsivo.... 

Ho avuto modo di leggere altre opere di L. Cassie e devo dire che non mi ha mai deluso.


La storia parla di Nicole una giovane ragazza di 18 anni, costretta ad abbandonare la citta' in cui è cresciuta, per andare a vivere in America con sua zia, a causa dello sterminio della sua famiglia. Per la giovane non è facile iniziare una nuova vita, lasciare la sua città natale e la sua migliore amica Clara, per andare a vivere a Miami, sopratutto perche' non si tratta di un traferimento volontario, ma è dovuta partire dato che la sua intera famiglia è stata uccisa. Una volta in America, nella nuova scuola conosce un ragazzo di nome Christopher, un ragazzo schivo e primo di amici, entrambi hanno un passato doloroso alle spalle. Ma a "causa" di una relazione sul poeta inglese Shakespeare i due si trovano "costretti" a passare del tempo insieme per fare la ricerca, si avvicinano molto, e tra i due scocca la famosa scintilla. Sembra procedere tutto per il verso giusto, fino a quando Nicole non riceve un'email da Clara in cui le dice che gli investigatori che si occupano del caso di omicidio della sua famiglia, sono arrivati alla conclusione che ad uccidere la madre, il padre e il fratellino Giorgio, è stato qualcuno molto vicino alla sua famiglia.... Ma chi sarà stato ad uccidere la famiglia Castelletti? Chi ha potuto togliere la vita ad un bambino di cinque anni? 



L. Cassie è un autrice che mi piace moltissimo, i suoi romanzi sono sempre in grado di emozionarmi, infatti li sconsiglio a tutti i lettori che hanno la lacrima facile come la sottoscritta, ma anche se mi emoziono, non posso evitare di leggerli, creano dipendenza e affrontano sempre temi abbastanza delicati, senza risultare pesante o banale. Ho divorato questo romanzo, non l'ho mai trovato scontato o noioso, anzi mi ha tenuto incollata al libro fillo alla parola fine, tant'è che avevo iniziato a leggere un'altro libro, che ho dovuto abbandonare sul comodino, di solito evito di iniziare due letture contemporaneamente, di solito leggo un libro alla volta, ma avendo l'app kindle sul telefono, quando ero al lavoro e avevo tempo libero l'ho iniziato ed è stata la mia fine.

Detto questo il nuovo libro di L. Cassie è online su Amazon al costo di 0,99 euro. Corrette ad acquistarlo e mi raccomando lasciate la recensione a fine lettura. 

Un bacio e alla prossima recensione.

martedì 11 aprile 2017

Intervista a Koraline.....

Intervista a Koraline

 

Care lovers,

eccoci con il consueto appuntamento settimanale con le interviste, questa volta ho avuto il piacere di intervistare Koraline, autrice dei romanzi:

-703 Ragioni per dire si'
-Suite 703
-Red il leviatano


Volete conoscere qualcosa in più su Koraline? venite a leggere l'intervista esclusiva solo per voi...


Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?

 

È stato l'istinto a spingermi a scrivere la prima frase del mio primo romanzo. Poi è stato un continuo susseguirsi di scene, frasi e immagini. Ho solo dato retta ai miei pensieri, ai miei sogni... per la prima volta nella vita.

Ti è mai capitato di non essere soddisfatta di un tuo lavoro?  

Sì. Ancora oggi cambierei il 50% di uno dei miei romanzi, ma non dico quale. 

Come mai non eri soddisfatta? Cosa non ti piaceva? 

Non mi soddisfa la narrazione. Troppo lenta, troppo acerba. Diciamo che oggi avrei fatto scelte diverse.

Cosa fai quando ti devi concentrare?
Provo a focalizzare l'attenzione sulla scena che ho immaginato. Cerco di allontanarmi con la mente dalla realtà. Non è un procedimento molto facile, sono una persona molto distratta.

Hai detto che ascolti della musica, di che genere?
Ascolto musica e sono estramamente selettiva. Amo pochi generi musicali e pochi cantanti, la maggior parte dei quali in Italia sono poco conosciuti. A volte penso piacciano solo a me...😅. Quando scrivo niente musica, niente di niente. Qualsiasi cosa mi distrae, ahimè.

Come nascono le tue storie?
Le mie storie nascono tutte da una particolare emozione, da una strana sensazione che mi colpisce improvvisamente e che continua a tormentarmi finché non metto nero su bianco ciò che sento. 

Come scegli i prestavolto per le tue storie? 
Sono loro a scegliere me. Diciamo che mentre penso alla storia, ogni personaggio inizia ad avere un volto ben preciso e quel volto, il più delle volte, è rappresentato da un attore o da un modello e da qualcuno che mi ha particolarmente colpito. Anche una foto vista per caso su un social. Chiunque può diventare il prestavolto di un mio romanzo☺

Se una CE dovesse decidere di acquistare i diritti per una tua storia quale vorresti finisse in libreria?
😎 I miei romanzi, al momento sono tutti editati da una casa editrice, la Newton Compton, tranne uno, Red il Leviatano e per lui nessuna casa editrice abdrebbe bene. È un selvaggio che va tenuto libero😉

Quando hai deciso che volevi diventare una scrittrice? I tuoi amici e parenti ti hanno supportata oppure no?
No. Non l'ho deciso e nessuno ne ha saputo nulla fino a quando ho scritto la patola "fine" al mio primo romanzo. La mia famiglia non ama molto leggere. Loro vivono con i piedi per terra, io no. Sono sempre stata una sognatrice con la testa fra le nuvole, ma ora sono felici della mia scelta e del mio percorso.

Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
I miei pregi? Scrivere solo ciò che sento e ciò che mi fa battere il cuore. I miei difetti? Scrivo quasi sempre storie molto forti e al limite del surreale senza preoccuparmi del parere degli altri. Potrebbe sembrare un pregio, ma non lo è, perché troppo spesso sono stata additata per le eccentriche scelte che faccio. 

Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?
Sempre... sono sempre loro a decidere le mosse della storia.

Sogno nel cassetto?
Sogno nel cassetto? Il mio più grande sogno e vedere i miei romanzi tradotti in più lingue.

Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
⚜  Molto spesso, in realtà. Cerco di trovare la forza guardando tutto ciò che di bello e di positivo mi circonda. Sentirsi giù fa parte della vita, così come lo è rialzare la testa e andare avanti. Sono due facce naturali di una stessa medaglia chiamata "Vita".

 
Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 
Onestamente non saprei darti una risposta a questa domanda. Fino a 2 anni fa non avevo mai letto neppure un libro italiano. Ahimè, mea culpa, ma è la verità. Ho sempre e solo letto autori stranieri e mi serve decisamente più tempo per capire qual è il mio autore italiano preferito.


Ringrazio infinitamente Koraline, per avermi concesso questa intervista, e colgo l'occasione per invitarvi a leggere i suoi romanzi se non li avete ancora letti! 




 






  



lunedì 10 aprile 2017

Come Fuoco sulla Pelle Recensione in Anteprima

Come Fuoco sulla Pelle

Debora C.Tepes

 


Care Lovers, 

voglio parlarvi di questo nuovo libro di Debora C.Tepes, Come fuoco sulla pelle, l'ultimo libro della dangerous souls series:

- Come fuoco sulla pelle (online dal 10/04)
 Voglio ringraziare di cuore Debora per avermi regalato la possibilità di leggere in anteprima il suo nuovo romanzo. Al termine della recensione vi lascio il link per il booktrailer e la mia recensione al primo volume della serie.

 Trama


Tiago
Sono il fuoco che incendia i corpi e travolge i cuori.
Sono il sesso proibito.
Gusto avidamente la vita, la divoro.
Il ricordo dei suoi occhi neri come la notte mi perseguita, è impresso nella mia mente.
Lei è stata il mio mondo e oggi è la mia promessa infranta.
Lei mi odia e il suo rifiuto mi sta uccidendo.
Voglio che sia mia.
Voglio farmi perdonare.
Selena
Sono una promessa dimenticata, una ragazza distrutta, abbandonata al suo destino.
Sono ferita, contaminata, deteriorata.
Quel ricordo, conficcato tra cuore e mente, mi fa sopravvivere.
Lui mi tiene per mano e mi protegge: è il mio salvatore.
Lui mi abbandona e mi spezza.
Ora lo detesto, lo respingo, non voglio perdonarlo.
Eppure il mio corpo arde solo per lui.
Eppure il mio cuore batte solo per lui.

«E che cosa voglio davvero?» chiede a bassa voce.
Le prendo il mento tra le dita, costringendola a piantare i suoi occhi nei miei.
«Vuoi queste mani sul tuo corpo, la mia bocca che divora la tua, vuoi sentirmi dentro di te, vuoi che ti infuochi con un solo sguardo. No es asì, Selena?».



Recensione

 

Eccovi la copertina per la versione cartacea di come fuoco sulla pelle

Vi informo che questa recensione potrebbe contenere spoiler, per trovare le parole giuste, mi sono servita del book trailer.

«Tornerò a prenderti, te lo prometto» le dico, urlando e sporgendomi verso di lei, le braccia protese per tentare invano di afferrare le sue mani.
Le mie parole squarciano il cielo notturno, vibrano nell’arido deserto, si espandono fino alla luna.
E i suoi occhi colmi di lacrime, delusione e orrore continuano a fissarmi, scavandomi dentro, imprimendosi nella mia mente. Tornerò a prenderti, te lo prometto.
Te lo prometto.
Te lo prometto.
Te lo prometto.

Per capire al meglio la storia bisogna fare un tuffo nel passato.
Andiamo a Tijuana in Messico, Tiago e Selena sono due bambini, lui è il suo principe e lei la sua principessa, sono inseparabili fino a quando Tiago e la sua famiglia scappano dal messico per fuggire lontano dalla povertà che regnava in quella città. La famiglia Gomez è pronta per salire sul camion che li porterà lontano da li' in una nuova città; con loro c'è anche la piccola Selena che sta aspettando per salire, e cominciare una nuova vita, ma purtroppo questo non succede. Prima di abbandonare la città messicana, lui le fa' una promessa "tornerò a prenderti" le dice prima di sparire nella notte.




Sono passati ormai 10 anni da quella promessa, da quella sera le loro strade si sono divise, lui è approdato a Los Angeles, lei invece e' rimasta lì. Tiago si è lasciato la povertà alle spalle, ora è ricco e spende i soldi nei locali, per Selena invece la vita è diventata un incubo, venduta a soli 10 anni, viene cresciuta da Guillermo, che la costringe a prostituirsi per poter guadagnare qualche soldo.
 Ma dopo 10 anni di lontananza le loro strade si stanno per ritrovare....





Tiago ormai a 22 anni, sta finendo l'università, e decide di fare uno stage in un centro di accoglienza per clandestini messicani, e proprio durante questo stage incontra Maria, una giovane ragazza messicana, scappata da Tijuana, si rivela subito scontrosa e non ama molto la vicinanza di Tiago, ma lui è abituato a vincere, tutte le donne sono pronte a essere scopate da lui, nessuna è immune al fascino latino del giovane, nessuna tranne la giovane Maria. Lui si sente inspiegabilmente attratto da questa giovane ragazza, dai capelli castano scuro e occhi scuri e grandi come la notte. Passano le settimane, lei si sente tradita, a causa di quella promessa fatta anni fa e mai mantenuta.




Estratto da Come fuoco sulla pelle

«Tu puoi aiutarmi? Non ci credo, non credo a nessuna delle tue fottute parole! Tu non sai niente di me, non sai cosa ho passato in questi anni, non sai che schifo di vita ho avuto. Tu, Tiago, hai preferito scappare e ora credi che facendo l’assistente sociale riuscirai a riscattarti. Perché hai scelto questa strada? Uno bello come te potrebbe fare molte altre cose nella città degli Angeli. Quale promessa hai infranto?
 Chi hai abbandonato?». Le sue parole piene di rancore, il fuoco che brucia nei suoi occhi, l’espressione arrabbiata identica a quando aveva dieci anni. Cristo, è lei. «Selena» biascico, sbarrando gli occhi, con la gola secca e un macigno sul cuore. Stringe gli occhi e le lacrime finalmente le rigano il viso scarno. «Sei tu» farfuglio, cercando di prenderle una mano. «Non toccarmi!» ordina, trafiggendomi con lo sguardo. Non credo ai miei occhi, è lei. La mia Selena. «Ti prego, lascia che ti aiuti». Scuote la testa e si rimpicciolisce. «Non voglio essere aiutata da te. Non mi fido di chi mi ha dato in pasto agli squali» dice, e le sue parole sono velenose, fanno un male cane. 




 Debora, è riuscita a regalarmi emozioni, pagina dopo pagina, ho amato alla follia la storia di Indy e Elijah, con le loro complicazioni; sapevo che non mi avrebbe affatto delusa con la storia di Tiago e Selena. Una storia affascinante ricca di emozioni; due anime fatte per stare insieme, due ragazzi legati dal famoso filo rosso, destinati a ricontrarsi e a innamorarsi dopo anni di lontananza. Il filo conduttore della storia non solo è l'amore e l'amicizia che lega i due giovani, ma anche la speranza per un futuro migliore e il coraggio di restare insieme nonostante tutto e tutti. E' capace di regalarti emozioni; con questo romanzo, ha affrontato dei temi delicati senza renderli pesanti, e senza finire nel solito cliché giovane problematica e ragazzo ricco. Questo è un romanzo ricco di sentimenti ed emozioni, capace di farti sospirare e sognare ad occhi aperti, in ogni ragazza si nasconde una principessa avvolte bisogna toccare il fondo per poterla far affiorare. Dopo questp romanzo continuerò a seguire le prossime opere di Debora con vivo interesse, fino ad oggi non mi ha mai deluso. Le rifaccio i miei migliori auguri per questa e le sue prossime pubbliciazioni!

 Ora vi lascio altri piccoli estratti per mettervi curiosità!


«Tu vuoi essere scopata dal primo giorno che ci siamo rivisti. No es cierto, chica?». Deglutisco e mi bagno le labbra con la lingua, guardandolo con sfida. Ho il cuore che batte a mille e le vampate mi ardono dall’interno. «Por Dios, tu me vuelves loco» mormora, fissando con insistenza le mie labbra. E, senza che gli dia il consenso, me lo ritrovo addosso. Il suo corpo possente copre il mio, piccolo e esile. Mi tiene per i fianchi, con un gesto veloce mi fa sedere sul mobile della cucina, e si infila tra le mie cosce. «Tiago» farfuglio, senza sapere davvero cosa voglio dirgli. Le sue labbra bollenti e piene mi mettono a tacere immediatamente piombando sulle mie. Non ho mai ricevuto un bacio così profondo e urgente. Non ho mai ricevuto un bacio degno di essere definito tale. La sua lingua è forte e umida, strofina la mia avidamente; la sua bocca mi divora le labbra come se fosse affamato di me, come se baciarmi potesse dare tregua al suo supplizio.   



Grazie per l'attenzione!

Vi ricordo che Come fuoco sulla pelleè on line!

BookTrailer: https://www.youtube.com/watch?v=TpFoHD2eFu8&feature=youtu.be

Sei sempre stata tu recensione a cura di Book Lover: http://booksserial.blogspot.it/2017/03/recensione-sono-sempre-stata-tua.html


martedì 4 aprile 2017

Intervista a Jo Rebel



Care Lovers,

oggi ho avuto il piacere di intervistare per voi, Jo Rebel, autrice della Calling You series.


Altre opere di Jo Rebel:

- Craving 01/04/2016

Calling You series

-Come pioggia sulla pelle (calling you series vol.1)
-Come foglie sospese nel vento (calling you series vol.2)


Ora che avete un idea delle sue opere possiamo procedere all'intervista, intanto ringrazio Jo rebel per avermi concesso l'intervista.


Intervista

 

Cosa ti ha spinto a decidere di iniziare a scrivere un romanzo?


⚜ Ho sempre amato scrivere, e sono una grande lettrice. Fin dall'adolescenza scrivevo tutto ciò che mi veniva in mente in un diario, frasi, poesie, parole... Poi la vita mi ha portata a viaggiare, la mia curiosità verso il mondo esterno è cresciuta insieme all'esperienza. Ho riversato un poco di questa esperienza in un racconto, quel racconto si è trasformato in pagine e pagine, così ho realizzato che forse avevo qualcosa da condividere. Sono una giornalista, perciò scrivere e raccontare storie è il mio mestiere, ma un romanzo è tutta un'altra cosa. Un giorno, all'improvviso, mi sono svegliata e ho seguito l'istinto, così è nato il mio primo libro.

Parlaci del tuo primo libro. 

⚜  Vi parlo del mio primo libro come autrice self. Ho iniziato pubblicando con una CE, poi ho scelto il self. Sono passata da un urban fantasy al romance, e sono felice della mia decisione. Il primo romanzo che ho pubblicato come self è uscito a giugno del 2016 e si intitola "Come pioggia sulla pelle". E' stato un lavoro molto intenso, fatto di concerto con la mia editor (conosciuta al tempo della pubblicazione con la casa editrice e diventata un'amica preziosa), durato mesi. C'è una parte di me in questo libro e a tratti non è stato semplice. Del romance mi piace il lato romantico, ma soprattutto amo i risvolti psicologici e la caratterizzazione dei personaggi. E' auto conclusivo, ma chi mi ha letta ha cominciato a chiedermi un seguito, ed è nato così "Come foglie sospese nel vento", uno spin off in realtà, scritto dal pov del protagonista maschile, anche in questo caso auto conclusivo. Sto pensando a un vero e proprio seguito, ma in questo momento sono concentrata su un nuovo progetto...

Ti è mai capitato di non essere soddisfatta del tuo progetto? Cosa non ti piaceva? 

⚜ Mi reputo fortunata, finora direi di no. Quando pubblichi c'è sempre qualcosa che non ti soddisfa del tutto, fa parte dell'essere creativo, immagino. Dettagli... "Forse questa parola è superflua"... "magari qui avrei dovuto inserire una frase in più"... "e se avessi aggiunto ancora un capitolo?..." C'è sempre insoddisfazione, vorresti essere stata perfetta e senti dentro te stessa che potevi dare di più, ma ripeto, penso capiti a ogni scrittore.
 
Cosa fai quando ti devi concentrare?
⚜ Scrivo di notte, immersa nel (quasi) silenzio di una città che si sta addormentando. L'oscurità mi dà concentrazione. Accendo lo stereo, scelgo del buon rock classico, abbasso il volume in modo che sia un leggero sottofondo, mi sistemo comoda sul divano, prendo il pc portatile e lo posiziono sulle mie gambe, e poi lascio che la storia che ho nella mia mente si trasformi in parole.. 

Come nascono le tue storie?
⚜ Puro istinto. Seguo il mio cuore, e quando i protagonisti prendono forma sono poi loro a guidarmi nella storia.

Come scegli i prestavolto per le tue storie? 
⚜ Dipende... A volte prima caratterizzo il personaggio, poi cerco un prestavolto che corrisponda alle caratteristiche che ho immaginato per i miei protagonisti... Altre volte invece è proprio un volto, magari incontrato per caso su Google, a ispirarmi... 

♡ Quale dei tuoi romanzi vorresti vedere nelle librerie e perchè?
⚜ l mio primissimo romanzo, quello pubblicato con la CE, è distribuito a livello nazionale, quindi si trova in libreria. Fa un certo effetto, a dire il vero, quando vedi il tuo nome sugli scaffali... Anche i miei romanzi self sono in alcune librerie, li si può trovare alla Mondadori Digione di Torino, per esempio, e anche da "Il Colore del Grano" di Schio, quindi direi che posso essere più che soddisfatta.

Quali sono i tuoi pregi e difetti come autrice?
⚜  E' una domanda che non mi sono mai posta, dovrebbero dirlo i lettori... Io posso solo dirti che amo scrivere, è una parte fondamentale della mia esistenza, mi accende, mi permette di vivere più di una vita... soprattutto mi crea emozioni, emozioni che mi auguro di riuscire a trasmettere a chi decide di leggermi...
 
Ascolti mai il parere dei tuoi personaggi?
⚜ Ogni giorno mi parlano, mi sgridano, mi incoraggiano... sono dei veri peperini.
 
Sogno nel cassetto?
⚜ Vorrei un giorno incontrare Shiloh Fernandez e ringraziarlo, perché è un Patrick meraviglioso ed è anche grazie a lui se sono riuscita a scrivere "Come foglie sospese nel vento" A parte gli scherzi, il mio sogno è scrivere, scrivere, e ancora scrivere... direi che quel cassetto è già stato aperto

Ti è mai capitato di sentirti giu' di morale? E cosa fai in queste occasioni?
⚜ Riferendomi solo alla mia parte "autrice", proprio giù di morale direi di no, mi è capitato il dannato "blocco dello scrittore"... Che fai? Un respiro profondo, chiudi tutto e attendi con pazienza che torni la "scintilla". Ho passato anche intere settimane senza scrivere, prendevo appunti, mi segnavo qualche spunto, e intanto aspettavo il momento giusto... per fortuna finora è sempre arrivato
 
Quali sono le scrittrici e gli scrittori italiani che preferisci? 
⚜ Leggo molto le self italiane, troppo spesso sottovalutate (da qualcuno la parola "self" è ancora guardata con sospetto). Di recente ho letto libri che mi hanno lasciato parecchie emozioni, tra questi cito solo "Rainbow" di Cecilia k, perché forse è quello "meno conosciuto", ma merita davvero, un piccolo gioiello...

Bhè spero che vi siate divertite leggendo questa intervista e abbiate scoperto nuovi lati di Jo. 

Un bacio e alla prossima intervista.



lunedì 3 aprile 2017

Dark Love series II: Taken



Care Lovers,
Qualche giorno fà vi ho scritto la recensione al primo volume della Dark Love Series di Amèlie ;
oggi voglio presentarvi il secondo volume della Dark Love Series di Amèlie, si tratta di Taken. Preparatevi al ritorno di Adrian e Luana... venite a leggere la trama e un piccolo estratto del libro...


Dark Love Series:


2.Taken

3. Inedito

4.Inedito





TITOLO: Taken (Dark Love series #2)
AUTORE: Amélie
GENERE: erotico/dark
PREZZO: 2,99 euro (gratis in KU)
DATA DI PUBBLICAZIONE: aprile 2017









Trama:

COSA SUCCEDE QUANDO ALL’OSSESSIONE SI ASSOCIA LA SETE DI VENDETTA?
Quando Luana Davies apre gli occhi, si ritrova incatenata a un letto, in una cella sporca, fredda e scarsamente illuminata. Sebbene sia ancora intontita, i ricordi riaffiorano subito nella sua mente: Adrian si è presentato al Coffee Hour mentre era da sola, l’ha drogata e rapita, facendo poi esplodere il locale per convincere tutti della sua morte.
«Da ora in avanti, vivrai soltanto per me. Nessuno verrà a cercarti. Nessuno verrà a salvarti. Nessuno ti porterà via da me. Sei mia, Luana».
Queste sono state le parole di Adrian prima che lei svenisse. Quando lui entra nella cella, bellissimo e perfido come non mai, le rivela che non si trovano più a Londra, ma in Germania, nel suo castello sull’isola berlinese di Pfaueninsel. Luana, dunque, è costretta a vivere come una prigioniera, alla completa mercé di un uomo che disprezza con tutta se stessa e lontana dalla sua casa e dalle persone che più ama. Adrian ha scoperto che la sua famiglia è legata a doppio filo a quella biologica di Luana e ritiene la ragazza responsabile di un tragico evento del passato che ha segnato definitivamente la sua vita. È vendetta ciò che cerca e non troverà pace finché non l’avrà ottenuta. Luana diventa così il nutrimento di un’ossessione malata, che è ancora viva come il primo giorno, e anche l’unico mezzo per chiudere con il passato e sperare in un futuro migliore. Lei è tutto ciò di cui ha bisogno. Luana comprende subito che l’unico modo per salvarsi e tornare alla vita di prima, è trovare dei punti deboli in Adrian e sfruttarli. I due, quindi, ingaggiano una dura lotta, che li costringerà a confrontarsi giorno dopo giorno e a sentirsi sempre più vicini, malgrado tutto. Chi dei due ne uscirà vincitore? Sarà Adrian, lo spietato carnefice, o Luana, la coraggiosa vittima?
Taken è il secondo dei quattro volumi che compongono la ‘Dark Love’ Series, iniziata con Stalked.

 
**ATTENZIONE, DARK CONTEMPORARY ROMANCE**

Parte di quest’opera contiene descrizioni di rapporti sessuali e scene violente, che potrebbero urtare la sensibilità delle persone, quindi se ne consiglia la lettura a un pubblico rigorosamente adulto e consapevole.



Estratto:
 

«Andavo per i campi così, per conto mio, e non cercare niente era quello che volevo. E lì c’era un fiorellino, subito lì, vicino, che nella vita mai ne vidi uno più bello. Volevo coglierlo, ma il fiore mi disse: possiedo radici, e sono ben nascoste. Giù nel profondo sono interrato; per questo i miei fiori son belli tondi. Non so amoreggiare, non so adulare; non cogliermi devi, ma trapiantare».
«Luana, che cosa vuol dire?».
«Che mi hai strappato via dalla mia casa, dai miei affetti, dal mondo al quale appartenevo da sempre. Mi hai colto con troppa violenza, recidendo le mie radici, che sono rimaste ben piantate a Londra. Sai che cosa succede a un fiore senza radici, non è vero?».
«Appassisce e muore».
«Esatto. Tenendomi lontano dalla mia città, dalla mia casa, da chi amo, mi ucciderai presto, con la consapevolezza di non avermi posseduto completamente neanche per un giorno». Mi giro tra le sue braccia, in modo da poterlo guardare dritto negli occhi mentre sussurro: «Perché non si può avere fino in fondo qualcosa che si prende con la forza. Perché non si può amare il proprio carnefice, a meno che non si abbia rispetto per se stessi, e io mi rispetto moltissimo. Ecco perché da me, Adrian, avrai solo carne, lacrime e sangue. Ecco perché la mia mente e la mia anima non saranno mai tue».
Si ritrae, sciogliendo l’abbraccio, e mi guarda come se lo avessi offeso a morte.
«Vattene via» sibila.
Mi avvicino a lui, sollevandomi in punta di piedi per baciarlo sulla guancia. Trasale. Sorrido mentre accosto le labbra al suo orecchio e dico: «Gute Nacht, mein Henker (buonanotte, mio carnefice)».